domenica 29 settembre 2013

settembre, nuovi inizi

L'estate è volata via, è stata un battito di ciglia, un soffio di vento e siamo qui, ad affrontare un anno immensamente ricco, pieno di tutti i nostri sogni che lentamente prendono forma.
La scuola dell'infanzia è iniziata fra qualche lacrima ma soprattutto con grande entusiasmo. Siamo in trasferta, spero per brevissimo tempo, a casa dei miei, perché quella che sarà la nostra casa è ancora in fase di lavorazione e prima di due settimane di entrare non se ne parla.
Sono qui, a raccogliere le energie che mi serviranno per affrontare l'ultimo anno di università, per arrivare a giugno con una tesi, esami laboratori ecc completati. Se mi guardo indietro non posso che farmi i complimenti: neanche nella mia laurea precedente sono stata così in regola con tutto e questa università mi ha fatto capire quante risorse possano essere nascoste in una persona quando c'è una motivazione forte alla base. Certo non si è presenti in tutto e non posso attribuire a me la conduzione dei lavori nell'appartamento, merito esclusivo del mio compagno che si è rivelato anche un ottimo capo-cantiere!:)
Siamo tutti molto felici di essere giunti fino a qui. Manca un anno e questa faticaccia sarà conclusa. E Dio solo sa quanto sono stanca onestamente. Non avrei mai pensato, io, di dire una cosa così.. ma veramente non ne posso più di aprire libri, di sacrificare domeniche, di chiedere cambi orario a scuola, di perdere momenti importanti con Mattia. Non vedo l'ora che anche quest'anno passi veloce e facile. Lo so che è tragica detta così.. ma non vedo l'ora che torni giugno!!! prende male se pensi che siamo a settembre eh?:)

Mattia cresce. Ora sta imparando a giocare da solo, si perde molto di più rispetto a qualche mese fa. A parte qualche piantarello al mattino a lui la materna piace molto ed è molto orgoglioso di mostrarmi i suoi disegni quando lo vado a prendere.. le maestre spesso usano la tempera e per lui tutto quel colore è un tripudio di felicità! la cosa più meravigliosa della giornata forse sono proprio quei momenti quando vado a recuperarlo da scuola, nei quali, dopo che mi ha visto, non mi dice ciao, ma si avvinghia in un abbraccio meraviglioso che dura solo qualche momento, il tempo di pensare un "grazie" sommesso e alla immensa gioia di essere io la sua mamma.
Sono pochi i momenti in cui c'è un po' di nostalgia del tempo che passa e di lui che non è più  "piccolo". Ora l'intera giornata con lui è costellata di risate e giochi. Insieme a questi sono comparsi anche i malefici "capricci": in particolare il più quotato ora è quello di "urlare" (ma di brutto eh?) quando è arrabbiato e buttarsi per terra. Fortunatamente noo accadono spesso: devo ammettere che i capircci mi spiazzano parecchio. Sono i momenti in  cui non si riesce a trovare un accordo e a volte non riesco a gestirli come tata Lucia vorrebbe. Non mi riesce facile ignorarli e di solito finisce che anche io sono mezza isterica!!
Ma accanto a questi momenti ce ne sono altri da ricordare! Una delle mattine scorse, dopo ovviamente il biberon di latte (che prima non si ragiona) il topo che si mette in piedi sul letto, prende il mio viso fra le sue mani e solennemente mi dice "mamma, ti vojio bene" (ahhhrggg!!! presente un cuore che si scioglie, diventa una nuvola e poi ricomincia a battere? ecco).
Ora gli è arrivata la biciclettina rossa di Cars e, neanche a dirlo, è la sua nuova compagna inseparabile! volevo dirottare l'acquisto su quelle  biciclettine senza pedali che dicono favoriscono l'equilibrio ma su questa gioca e si diverte un mondo.. sarà meno pedagogicamente corretta ma il ragazzo apprezza molto!

Speriamo che come settembre è stato dolce, anche ottobre scorra via velocemente.. che poi quando arriva novembre (mese che detesto, sebbene cada il mio compleanno).. dai, in fondo a novembre si può già pensare al Natale no?:)




2 commenti:

  1. È passato Natale, in un attimo sarà di nuovo giugno! :-)))))

    RispondiElimina
  2. anche mattia mio ha iniziato la materna e come il tuo il piantino al mattino non se lo fa mancare...ma poi si diverte e gioca.
    sono contenta di come sta affrontando l asilo...tanto felice non pensavo mi stupisse cosi'..

    RispondiElimina