venerdì 26 luglio 2013

ricordi

Due anni e mezzo possono essere pochi, ma sono anche moltissimi se riguardano l'intera vita di un bambino.
Due anni e mezzo fa non sapevo certamente come sarei stata oggi, e come sarebbe stato lui. Lui che con oggi termina il nido.. e dirlo fà uno strano effetto, perché pare che dalle 4, ora in cui lo andrò a prendere, verrà catapultato in un mondo da grandi, e lui grande non lo è. E' lui stesso a dirlo! "io no sono grande, sono piccolo!!" afferma quasi ogni giorno, rivendicando il suo diritto ad essere quello che è.
Il mio piccolo uomo è entrato al nido quando aveva appena 5 mesi..mi sento un po' madre degenere ogni volta che ci penso, ma non avevo alternative ed è stato bene così.
Quel nido, e le sue educatrici, sono state veramente fondamentali nella sua crescita.. io lo so che lui non si ricorderà di loro tra un po', ma sono io che avrò sempre uno splendido ricordo di loro, di come hanno fatto crescere il mio tato, ed anche se il "ricordo" potrà affievolirsi in lui, sono le acquisizioni, la stima di sè, la curiosità per il mondo, i suoni, i colori, il piacere di stare con gli altri bambini e cioè il frutto del lavoro fatto al nido che resterà sempre con lui e sono il lascito più importante di questa scuola e di queste educatrici.
Adesso devo affrontare solo l'ultimo prelevamento dal nido, cercando di mantenere una certa dignità.
Speriamo bene